Inter – Fiorentina 2 – 1 (Coppa Italia)

Soccer: serie A; Fc Inter - Acf Fiorentina

Missione compiuta! Abbiamo passato il turno, Barella è tornato ai suoi migliori standard, sembra migliorare la condizione, con un secondo tempo senza cali evidenti, al contrario delle ultime partite.

Sia ben chiaro, non è stata una partita sfavillante, ma non ce lo si poteva aspettare a causa delle tante assenze per infortuni e comprensibile turn over. Inoltre, Conte ha sfoderato una significativa novità di schieramento, inserendo Sanchez dietro le punte, per un inedito 3 – 4 – 1 – 2. Diciamo subito che l’esperimento non mi è sembrato riuscito, sia per la scarsa vena di Sanchez, ancora lontano dalla miglior forma, sia perché gli attaccanti, nell’inconsueto affollamento, davano l’impressione di pestarsi i piedi.

Il match è stato giocato a ritmi abbastanza bassi, con la Fiorentina che prediligeva il contenimento e le ripartenze con Chiesa e Vlahovic, anche se la partita dei viola non può essere considerata puramente difensiva. La squadra di Iachini (prima sconfitta da quando c’è lui) ha tenuto bene il campo, ha avuto un paio di buone occasioni e mi è sembrata molto migliorata rispetto ai tempi di Montella.

Da segnalare l’esordio di Eriksen, nel secondo tempo, rovinato da uno spot di mamma RAI al momento dell’ingresso in campo. Fosse accaduto al Cristiano incolore, sarebbero fioccate le interrogazioni parlamentari sul ruolo del servizio pubblico e altre amenità del genere. L’arbitraggio è stato sostanzialmente corretto, con qualche sbavatura (sul gol di Caceres c’è un leggerissimo dubbio) e con la manifesta pichignoseria nell’andare a vivisezionare, al VAR, ogni nostro gol, nella speranza, magari, di trovare il pretesto per invalidarlo. Ma noi, dato che ci siamo ormai abituati, lasciamo fare.

Eriksen ha esordito, al 21° della ripresa, con un po’ di titubanza. Probabilmente stava capendo dove si trovava e il suo primo tiro dalla bandierina è stato all’altezza del peggior Biraghi. Ha comunque mostrato alcuni pregevoli colpi, segno di grande classe, e con il passare del tempo è cresciuto, tanto da indurre ad un solido ottimismo. Moses ha preso il posto di Candreva al 74° ed ha fatto il compitino. Il giudizio sul nigeriano, anche considerando che è reduce da un periodo di stop, rimane sospeso, ma potrebbe tornare utile. L’altro semi esordiente, Young, ha confermato, pur senza squilli particolari, la buona impressione della prima partita e, anche se non ha fatto mirabilie, può essere definito un discreto upgrade sulle fasce, rispetto agli interpreti fin qui visti.

Per quanto riguarda gli altri, segnalo l’ottima prestazione di Handanovic che, poco impegnato nel corso della partita, nella ripresa ha compiuto un mezzo miracolo, impedendo a Vlahovic di segnare il gol del 2 – 1 per i viola che ci avrebbe fatto sprofondare all’inferno. Buona la difesa, anche se Godin non mi convince del tutto e Bastoni, molto propositivo in fase di possesso, deve migliorare la fase difensiva. Niente di preoccupante, ma deve lavorarci per diventare il grande difensore che tutti speriamo diventi.

A centrocampo, discreta la prova del figliol prodigo Vecino e stratosferica quella di Barella, tornato ai livelli pre infortunio. A parte il gol, bellissimo, ha corso per tutta la partita, difendendo e impostando (ha spesso calpestato le zolle di Brozo) alla grande: ritrovato!

In attacco, prova largamente sufficiente di Lukaku e Lautaro, pur con le pecche cui accennavo a proposito dello schieramento e della scarsa vena di Sanchez.

In due parole: partita non stratosferica, ma che mostra segnali di miglioramento sul fronte della tenuta fisica e mentale, dell’inserimento dei nuovi e della capacità di rendere più varie le trame di gioco (anche se su questo fronte c’è da lavorare). Un buon viatico per i prossimi impegni, a cominciare dalla non semplice trasferta di Udine, domenica prossima. In coppa Italia ci rivedremo per un’affascinante semifinale contro il ritrovato Napoli di Gattuso.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...