Rinvio Juventus – Inter (2)

Solo due parole: uno schifo!
Un campionato già in deficit di credibilità per il comportamento fin qui perpetrato dalla classe arbitrale, subisce un altro colpo alla sua regolarità per le pressioni esercitate dagli scoloriti nei confronti di istituzioni, di fatto, asservite alle loro esigenze. Poi vengono a dirci che è la pirateria che uccide il calcio.

Come giustificheranno il fatto che le prossime gare si giocheranno a porte chiuse? Non credo, infatti, che Inter – Sassuolo sarà giocata a porte aperte, né rinviata, perché non ci sono date disponibili, a meno che non si occupino spazi della nazionale a ridosso degli europei. Ma tanto, la priorità è favorire i veri padroni del sistema calcio italiano, sempre più ridotto ad essere una pantomima, peggio del wrestling.

Rinvio Juventus – Inter

Inter – Ludogorets 2 – 1

inter-ludogorets-europa-league

Sgambatura del giovedì, con la squadra imbottita di seconde linee e la qualificazione già in cassaforte per il risultato dell’andata e l’avversario non irresistibile. Gli unici rischi erano costituiti dalla possibilità di prendere l’impegno sotto gamba e dall’atmosfera particolare determinata dall’assenza di pubblico. Continua a leggere “Inter – Ludogorets 2 – 1”

Appena letto – I Cinque Canti di Palermo – Giuseppe Di Piazza

Avevo già scritto del personaggio Leo Salinas, nato dalla penna di Giuseppe Di Piazza , quando ho parlato delle mie impressioni dopo aver letto il bel romanzo Il Movente della Vittima (qui). Come ho scritto, il personaggio mi affascina perché mi riporta ai tempi dei miei vent’anni, nello stesso contesto storico e nella stessa città, la Palermo insanguinata dalla guerra di mafia, dove ho vissuto in quel periodo. Continua a leggere “Appena letto – I Cinque Canti di Palermo – Giuseppe Di Piazza”

Acquolina in bocca – La mia pasta con le sarde

Al mercato del sabato ho notato delle sardine molto fresche e della taglia, quella medio-piccola, che preferisco. Mi sono ricordato che avevo del finocchietto selvatico in freezer e pensare alla pasta con le sarde è stato un attimo.

Ho messo in padella dell’olio, un trito di aglio, pochissimo sedano e della cipolla insieme ai pinoli e a tre filetti di acciuga.

20200209_120601

Quando questi ultimi si sono sciolti, ho aggiunto le sarde deliscate.

20200209_120923 Continua a leggere “Acquolina in bocca – La mia pasta con le sarde”

Ludogorets – Inter 0 – 2

ludogorets inter
Era una partita in cui l’Inter aveva tutto da perdere. Già immagino i giornalai di casa nostra cosa avrebbero detto e scritto se i ragazzi avessero steccato in terra bulgara. Vincendo abbiamo fatto il nostro, spento potenziali focolai di polemica e crisi. In più abbiamo giocato con parecchie seconde linee, giocatori poco utilizzati che avevano bisogno di acquisire il ritmo partita, facendo rifiatare i titolari che, nelle più recenti apparizioni, erano sembrati in sofferenza.

Continua a leggere “Ludogorets – Inter 0 – 2”

Film al cinema – Parasite

Parasite

Scelta obbligata del sabato sera, vista l’incetta di oscar di questo film sud-coreano, diretto da Bong Joon-ho, che vanno ad aggiungersi alla Palma d’Oro del Festival di Cannes del 2019. Stavolta non c’è stata alcuna discussione in famiglia in merito alla scelta, per il clamore suscitato dalla notte degli Oscar e perché, sotto sotto, mia moglie voleva far decidere me per poter discutere, da brava dolce metà, il film prescelto. Continua a leggere “Film al cinema – Parasite”

Il brano del giorno – 18 febbraio 2020

de andre amico fragile

Oggi non avevo previsto di pubblicare alcun post della serie Il Brano del Giorno. Il mio amico Vittorio, però, mi ha fatto notare che ricorre l’ottantesimo anniversario della nascita di Fabrizio De André e che un ricordo del grande cantautore genovese sarebbe stato d’obbligo. Non volendomi esimere da tale doveroso tributo, vi propongo il brano più autobiografico di Faber, Amico fragile, pubblicato sia come singolo, sia nell’album Volume 8, del 1975. Continua a leggere “Il brano del giorno – 18 febbraio 2020”

Il brano del giorno – 16 febbraio 2020

genesis supper

Supper’s Ready – Genesis – Foxtrot

Siamo passati al terzo album dei Genesis (Revelation non lo considero), Foxtrot, del 1972. E siccome l’ho ascoltato recentemente in macchina, traendone ispirazione, cominciamo dal pezzo che chiude il disco, una suite di quasi 23 minuti. Oggi la soglia di attenzione dell’ascoltatore medio è inferiore ai tre minuti e si abbassa ulteriormente se il brano è strumentale. Pensare che questo brano di 23 minuti riesce, seguendo il filo narrativo e musicale, a tenere sulla corda per tutta la sua durata l’ascoltatore abituato, fa riflettere su come siano grami questi tempi in termini di qualità della fruizione e spessore delle produzioni musicali. E quanto sia stato magico, sognatore, il periodo in cui venivano sfornati capolavori come quelli che, modestamente, ascoltiamo spesso in occasione dei nostri incontri “virtuali”.

Continua a leggere “Il brano del giorno – 16 febbraio 2020”