Genoa – Inter 0 – 2

Non sono riuscito a vedere la partita (solo gli highlights), che mi hanno detto sia stata di rara bruttezza. Il Genoa stava rintanato nella sua metà campo (Handanovic non ha fatto una sola parata) e i nerazzurri, pur esercitando una marcata supremazia territoriale, non riuscivano a trovare il guizzo per segnare. Troppo lenta e prevedibile la manovra, nessuno capace di saltare l’uomo, di accendere la luce.

Il primo tempo si è, così, chiuso a reti inviolate. La ripresa è cominciata peggio di come era finita la prima frazione. La partita stava mettendo in luce i soliti problemi di questa Inter di inizio stagione: condizione fisica non ottimale, presenza di diversi elementi fuori ruolo, assenza di soluzioni tattiche che permettano di sparigliare gli incontri.

La svolta si è avuta con l’ingresso in campo di Barella e Hakimi che hanno sostituito l’inutile, se non dannoso, Perisic e Eriksen, incapace, anche ieri, di rendersi imprescindibile. Da una percussione del più dinamico ed incisivo Barella è nato lo splendido gol di Lukaku, mentre Darmian, spostato sulla fascia di Perisic ha confermato le buone impressioni destate nella partita di esordio, assicurando copertura e consistenza in avanti.

Le prestazioni di Darmian impongono una riflessione: il laterale, che lo scorso anno ha finito prima la stagione e ha fatto la preparazione con il Parma, sembra avere una marcia in più rispetto a tanti compagni. Questo induce a pensare che la squadra ancora risenta della lunga stagione scorsa e che Conte e il suo team abbiano impostato una preparazione fisica a medio lungo termine che, attualmente, appesantisce le prestazioni dei giocatori, ma che potrebbe, auspicabilmente, dare i suoi frutti più avanti. Sperando non sia troppo tardi.

Un aspetto positivo è costituito dalla circostanza che abbiamo mantenuto inviolata la porta cosa mai successa, dall’inizio della stagione. L’inconsistenza della fase offensiva del Genoa, consiglia di attendere sfide più probanti, ma l’inserimento di Bastoni ha dato più solidità. Il passo successivo dovrà essere la sostituzione di Perisic con un laterale a tutta fascia di ruolo. L’esperimento è fallito: il croato è deficitario nella fase difensiva e inconsistente in attacco.

Una nota di merito per Ranocchia, che si è fatto trovare pronto, mentre la squadra ha mostrato di non poter prescindere da Lukaku e Barella. Mi auguro di non dover più vedere Kolarov nel trio difensivo (molto meglio più avanti, magari non per tutta la partita) e Perisic a coprire tutta la fascia. Resto moderatamente fiducioso nella definitiva carburazione dei ragazzi per recuperare brillantezza e competere per i traguardi per cui siamo accreditati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...