Inter – Benevento 4 – 0

La partita si prospettava come insidiosa, perché bisognava dare una risposta a scoloriti e rigoristi e non sono mai tranquillo quando giochiamo con la pressione addosso. Inoltre il Benevento non è una squadra di scappati di casa e generalmente è prolifica e con la nostra difesa, spesso, allegra, qualche timore era lecito. Per contro, i campani giocano al calcio senza ricorrere al classico pullman davanti alla porta, atteggiamento che solitamente soffriamo.

Continua a leggere “Inter – Benevento 4 – 0”

Visto in tv – Il Commissario Ricciardi – Il Senso del Dolore

Ho molto apprezzato la fiction televisiva dedicata, su Rai 1, al commissario Ricciardi, trasposizione sul piccolo schermo (come si diceva una volta) dei romanzi di Maurizio De Giovanni. Lunedì scorso, per la puntata di esordio, hanno mandato in onda Il Senso del Dolore – L’Inverno del Commissario Ricciardi. Avevo già letto il romanzo e ne avevo scritto (Leggete qui il post), descrivendo i personaggi della serie, il periodo storico e l’ambientamento, oltre alla trama.

Continua a leggere “Visto in tv – Il Commissario Ricciardi – Il Senso del Dolore”

Inter – Bbilan 2 – 1 (Coppa Italia)

Missione compiuta. Partita nervosa, che si era messa male per un colpo da biliardo del bullo svedese, contrastato da Kolarov in maniera non irreprensibile. Sono contento per il risultato, ma soprattutto per il delinquente arruolato come centravanti dei rossoneri, che ha indegnamente provocato il nostro Lukakone, beccandosi un cartellino giallo che, sommato a quello rimediato a inizio ripresa per un fallo da dietro, ha determinato la sua espulsione. Forse lo svedese non ha ancora digerito la nostra Champions del 2010, conquistata dopo la sua partenza per Barcellona, dove non aveva raccolto quanto lui, malpancista seriale, aveva sperato.

Continua a leggere “Inter – Bbilan 2 – 1 (Coppa Italia)”

Udinese – Inter 0 – 0

Plastica dimostrazione che non siamo ancora una grande squadra, ammesso che possiamo diventarlo in futuro. Quando si tratta di fare il salto di qualità, ci areniamo, non riusciamo a ottenere il risultato che dovremmo. Dopo la splendida vittoria contro gli scoloriti (quelli di stasera mi sono sembrati gli originali) e in concomitanza con il ribaltone subito in casa dai cuginastri, avremmo dovuto fare tre punti e mandare un segnale forte agli avversari e a noi stessi. Invece, abbiamo raccattato un misero pari, che ci lascia nel limbo e, soprattutto, l’amaro in bocca.

Continua a leggere “Udinese – Inter 0 – 0”

Il brano del giorno – 20 gennaio 2021

More Fool Me, After the Ordeal, Aisle of Plenty – Genesis – Selling England by the Pound

Era rimasta in sospeso la conclusione dell’ascolto di questo bellissimo album dei Genesis, Selling England by the Pound, del 1973. Il pezzo precedente lo avevamo ascoltato il 3 ottobre dello scorso anno (https://gaggyblog.wordpress.com/2020/10/03/il-brano-del-giorno-3-ottobre-2020/) ed avevo garantito che il successivo riscontro lo avremmo avuto, al contrario di quanto avvenuto fino ad allora, presto. Mi scuso per il colpevole ed ingiustificato ritardo per il quale vorrete perdonarmi. Oggi ascoltiamo, in unica soluzione, i brani dell’album che io definisco di intermezzo, perché separano uno dall’altro i grandi pezzi fin qui ascoltati, molto più impegnativi musicalmente e di durata maggiore.

Continua a leggere “Il brano del giorno – 20 gennaio 2021”

Inter – Piemonte Calcio 2 – 0

Ero piuttosto rassegnato, prima della partita, ad una sconfitta e avrei firmato per un pari. Il pessimismo scaturiva dalla situazione societaria, che poteva influire negativamente sull’atteggiamento mentale dei giocatori, e dalla conferenza stampa pre partita di Conte, che aveva detto, creando giustificato disappunto, che i sabaudi erano più forti e costituivano un esempio da seguire. Il mister aveva anche posto l’accento sulla campagna acquisti degli scoloriti, ben più ricca della nostra. In effetti, la constatazione è corretta, ma non tiene conto che è importante anche come i soldi vengono spesi. Se riempi la squadra di esterni, magari sopravvalutati, e poi non hai un centravanti di riserva o presenti forti lacune a centrocampo, i conti non tornano.

Continua a leggere “Inter – Piemonte Calcio 2 – 0”

Fiorentina – Inter 1 – 2 d.t.s. (Coppa Italia)

Non ho visto il primo tempo, perché ero in giro per un impegno. I telecronisti, mentre guardavo la ripresa, dicevano che era stato gradevole. Il secondo tempo mi ha fatto annoiare e sonnecchiare, sotto l’effetto del soporifero gioco della nostra squadra. Non ho visto il rigore segnato da Vidal, ritenuto giusto da tutti, così come corretta è stata giudicata la decisione di revocare quello assegnato ai Viola.

Continua a leggere “Fiorentina – Inter 1 – 2 d.t.s. (Coppa Italia)”

Appena letto – Buio per i Bastardi di Pizzofalcone – Maurizio De Giovanni

Romanzo del 2013, secondo della serie dei Bastardi e terzo con protagonista l’ispettore Lojacono. I Bastardi sono un gruppo di poliziotti scartati da tutti i commissariati della città e concentrati nel presidio di Pizzofalcone, prossimo alla chiusura perché alcuni agenti della vecchia squadra, i Bastardi, appunto, avevano venduto della droga sequestrata ai trafficanti. Anche Lojacono, valente investigatore, è stato mandato lì dalla Sicilia a causa di alcune dichiarazioni di un pentito di mafia, che lo accusava, ingiustamente, di aver passato informazioni alla criminalità organizzata. Ai nuovi arrivati si aggiungono i due “sopravvissuti” Pisanelli e Ottavia Calabrese, estranei ai traffici dei colleghi fedifraghi e il commissario Palma, oltre al magistrato Laura Piras che prende a cuore il commissariato e Lojacono in particolare. Il desiderio di riscatto e le personali abilità e qualità morali dei componenti la squadra, oltre alla sapiente guida di Palma, fanno ricredere i responsabili della Questura e i successi investigativi procrastinano di volta in volta la chiusura del commissariato di Pizzofalcone.

Continua a leggere “Appena letto – Buio per i Bastardi di Pizzofalcone – Maurizio De Giovanni”

Roma – Inter 2 – 2

Manca sempre un soldo per fare una Lira!

Altri due punti buttati via in uno scontro diretto. Era già successo con la Lazio e con l’Atalanta: vantaggio a poco dal termine, squadra che si abbassa troppo e gol del pari subìto. In altre occasioni, non ricordo se nelle partite citate, il pari avversario era stato preceduto dalla sequenza sostituzione attaccante – eccessivo abbassamento a difesa della porta di Handanovic.

Continua a leggere “Roma – Inter 2 – 2”