Roma – Inter 2 – 2

Manca sempre un soldo per fare una Lira!

Altri due punti buttati via in uno scontro diretto. Era già successo con la Lazio e con l’Atalanta: vantaggio a poco dal termine, squadra che si abbassa troppo e gol del pari subìto. In altre occasioni, non ricordo se nelle partite citate, il pari avversario era stato preceduto dalla sequenza sostituzione attaccante – eccessivo abbassamento a difesa della porta di Handanovic.

In questa partita abbiamo visto tutte le pecche dell’Inter. Nel primo tempo abbiamo mancato parecchie occasioni e preso gol al primo pericolo creato dall’avversario. Nella ripresa, dopo i primi venticinque minuti di dominio assoluto, abbiamo ribaltato la sitiazione con un colpo di testa di Skriniar su corner ed un eurogol di Hakimi. Dopo le sostituzioni di Lautaro e Hakimi, ci siamo abbassati troppo e preso, inevitabilmente, il gol del pari della Roma. Forse sono state dettate da precarie condizioni fisiche, ma le sostituzioni di Hakimi e Lautaro mi sono parse perniciose, anche perché i due subentrati, Perisic, al solito, e Kolarov non hanno apportato alcun contributo.

Sul piano dei singoli, Vidal è apparso in lieve ripresa, ma ha lisciato, da pippa conclamata, il pallone del possibile 1 – 3 dal dischetto del rigore. Perisic, irritante, dovrebbe andare a giocare in serie D, nella nuova squadra di Maicon. Handanovic, che in altre occasioni ha salvato il risultato, dovrebbe, almeno, tentare il tuffo, anziché guardare il pallone che scivola nel sacco. Magari non ci sarebbe arrivato lo stesso, ma avrebbe evitato le considerazioni sullo stato attuale dei suoi riflessi. In miglioramento Young (non ci voleva granché), buoni o sufficienti gli altri, con Hakimi autore di un gol da cineteca. Il ragazzo segna tanto e sta imparando a difendere. Per diventare un crack, deve migliorare nelle scelte di gioco e negli appoggi, non sempre irreprensibili. Qualche decisione arbitrale mi è sembrata discutibile.

Avrei sottoscritto un pari a Roma, prima della partita. Per come è maturato, mi girano le balle. Speriamo che, stavolta, abbiano fatto tesoro della lezione per affrontare con coscienza dei propri mezzi e consapevolezza delle situazioni da evitare i prossimi cruciali incontri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...