Visto in tv – Il Commissario Ricciardi – La Condanna del Sangue

Ho letto il romanzo qualche tempo fa, ma non ne ho mai scritto, ché non avevo ancora il blog. Nonostante gli scherzi dell’età, ricordavo abbastanza bene la storia e posso confermare che la fiction è fedele al romanzo.

Anche questo secondo episodio (Qui ho scritto del primo) è piaciuto molto. A parte le ricostruzioni ambientali perfette e fascinose e le buone prove degli attori (molto bravo Antonio Milo, nei panni del brigadiere Maione), lo sceneggiato rende bene il tormento del commissario ed il suo sentire il dolore dei morti. Quelli che giudicano la fiction lenta e noiosa, probabilmente, non conoscono i romanzi, che non potrebbero essere trasposti sul video in modo più brioso e spensierato senza tradirne lo spirito. Per restare a De Giovanni, più “facile” risulta la fiction su Mina Settembre. Non ho mai letto i romanzi di questa serie, ma il personaggio mi sembra decisamente diverso rispetto al Commissario Ricciardi, meno sofferto e più solare, anche se pure la ragazza ha i suoi fantasmi che la tormentano. Su queste basi, è normale che la fiction di Mina risulti meno “pesante”.

Uno spiraglio di luce è fornito dal ritorno del sereno in casa Maione. Dopo lungo travaglio interiore e sofferenza, Lucia, la moglie del brigadiere, ha metabolizzato la morte del figlio, poliziotto anche lui, tornando a rapporti normali con il marito ed i quattro figli.

In conclusione, la seconda puntata di questa fiction, secondo me, ha colto nel segno. Resto in trepida attesa del prossimo episodio.

Un pensiero riguardo “Visto in tv – Il Commissario Ricciardi – La Condanna del Sangue

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...