Appena letto – Vecchie Conoscenze – Antonio Manzini

Il commissario (pardon,vicequestore) Rocco Schiavone, partorito dalla penna di Antonio Manzini, è ormai una sicurezza. Non sbaglia un colpo e ti lascia sempre, a lettura ultimata, il desiderio di leggere presto un nuovo episodio.

Il caso investigativo di questo romanzo, pubblicato a giugno di quest’anno, è l’omicidio della studiosa Sofia Martinet, trovata morta nella sua casa dopo essere stata colpita con un corpo contundente. Schiavone, grazie al suo intuito e all’attenta analisi degli indizi, scarta quasi subito la pur fondata ipotesi che vede colpevole il comunque riprovevole figlio della vittima e arriva ad individuare l’autore dell’omicidio.

Il caso è risolto e siamo a circa tre quarti del romanzo. Cosa succederà da lì fino alla fine? Quando sta per prendere il sopravvento un po’ di delusione, rispunta l’amico fraterno, la vecchia conoscenza, Sebastiano Cecchetti, sempre a caccia di Baiocchi. Da quel momento si dipana un’altra storia piena di suspense e colpi di scena, fino all’epilogo finale.

Il romanzo è avvincente, scritto ottimamente, con un tratto scorrevole. Rocco appare stanco e solo, anche per il trasferimento a Milano di Gabriele e sua madre. Il rapporto con Sandra non decolla a causa della durezza di Schiavone, che se ne rende conto, senza riuscire a cambiare registro. Il desiderio di amore aleggia e persino Lupa si concede un’avventura, mentre Deruta trova il coraggio di andare a vivere dal suo “fornarino” e di vivere alla luce del sole la sua relazione omosessuale, fino a quel momento, anche nei precedenti romanzi, mai emersa.

Per il colpo di scena finale, del quale, ovviamente, non ho scritto nulla per non rovinare il gusto della lettura, qualcuno ha ipotizzato che questo romanzo potrebbe costituire l’atto finale della saga. Naturalmente, mi auguro che non sia così, perché mi dispiacerebbe non usufruire della mia dose periodica di indagini del vicequestore Schiavone.

Un pensiero riguardo “Appena letto – Vecchie Conoscenze – Antonio Manzini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...