Appena letto – Il Lusso della Giovinezza – Gaetano Savatteri

Il personaggio di Saverio Lamanna, completato da Suleima, affascinante e giovane fidanzata, e dall’inseparabile amico Peppe Piccionello, mi piace molto e, quando Savatteri aggiunge un nuovo capitolo alla saga, mi precipito a comprarlo e leggerlo.

Continua a leggere “Appena letto – Il Lusso della Giovinezza – Gaetano Savatteri”

Appena letto – Il Sanguinaccio dell’Immacolata – Giuseppina Torregrossa

Dopo aver letto, con grande piacere, Il Basilico di Palazzo Galletti (qui), romanzo della nostra Torregrossa del 2018, mi sono fiondato ad acquistare la nuova opera, del 2019, avente, amcora, come protagonista Marò Pajno. Scelta azzeccata, perché anche questa storia mi è piaciuta molto.

Continua a leggere “Appena letto – Il Sanguinaccio dell’Immacolata – Giuseppina Torregrossa”

Appena letto – Fa Troppo Freddo per Morire – Christian Frascella

Non avevo mai letto nulla di Frascella, ma ne avevo sentito parlare su Twitter, in alcuni post che mi avevano incuriosito. Ho, così, voluto leggere il primo romanzo, del 2018, della serie che ha come protagonista il detective privato Contrera, il cui nome di battesimo non è dato sapere, tanto che anche i familiari lo chiamano per cognome.

Continua a leggere “Appena letto – Fa Troppo Freddo per Morire – Christian Frascella”

Appena letto – Il Senso del Dolore – L’Inverno del Commissario Ricciardi – Maurizio De Giovanni

Romanzo del 2006, il primo della serie che ha come protagonista il commissario Ricciardi. È ambientato nella Napoli dei primi anni trenta del ‘900, in piena epoca fascista, con la fame che si taglia a fette, specialmente nei quartieri popolari abbandonati a se stessi, mentre la borghesia comincia a costruire al Vomero, nuovo quartiere residenziale. Periodo in cui i delitti devono essere tenuti nascosti perché il regime vuole preservare l’immagine di tutore della sicurezza e dell’ordine. Ricciardi è conscio di tutto ciò e, con le dovute cautele, non manca di farlo presente.

Continua a leggere “Appena letto – Il Senso del Dolore – L’Inverno del Commissario Ricciardi – Maurizio De Giovanni”

Appena letto – La Regola dell’Equilibrio – Gianrico Carofiglio

Romanzo del 2014, della serie con protagonista l’avvocato Guido Guerrieri, qualificabile come legal-thriller, senza morti assassinati e con un forte dissidio interno del protagonista. Un giallo anomalo, con una profonda riflessione sul mondo della giustizia, in generale, e del ruolo dell’avvocato, in particolare.

Continua a leggere “Appena letto – La Regola dell’Equilibrio – Gianrico Carofiglio”

Appena letto – Riccardino – Andrea Camilleri

Ho cominciato a leggere questo romanzo con curiosità e parecchia mestizia. Si trattava dell’ultimo episodio dell’amata saga del commissario Montalbano, pubblicato postumo, ad un anno dalla scomparsa del maestro di Porto Empedocle. Il commissario mi mancherà, ma tutto ha un inizio e una fine e, grazie al cielo, la lucida longevità dell’autore ci ha regalato un buon numero di storie appassionanti, stuzzicanti e sulle quali riflettere.

Avevo il terrore che l’avventura letteraria di Montalbano si concludesse con “un’ammazzatina”. Il mai banale Camilleri ha scelto un altro modo per l’uscita di scena, più elegante, più dolcemente favolistica. Non vado oltre per non rivelare troppo e togliere, a chi non l’avesse letto, il piacere della sorpresa.

Nel pieno della notte, Montalbano viene svegliato da una telefonata:”Riccardino sono. Ti stamu aspittannu davanti al bar Aurora”. “Staiu vinennu” la risposta del commissario in vena di scherzi, che non conosce nessun Riccardino (il virgolettato non è quello originale). La solita telefonata di primo mattino annuncia a Montalbano che c’è stato un omicidio. Il commissario si reca sul posto e scopre che la vittima è l’autore della telefonata notturna, Riccardo Lo Presti, direttore della filiale vigatese della Banca Regionale. Testimoni due dei tre inseparabili amici del bancario, con i quali si apprestava ad andare a fare una passeggiata in campagna. Montalbano inizia le indagini, pur se di malavoglia, dato che negli ultimi tempi si sente, forse per l’età, svuotato, stanco, senza più l’istinto del cacciatore. Grazie a questo stato d’animo, prova sollievo quando il questore gli toglie l’indagine per affidarla all’inetto, a dispetto del nome, che evoca ben altro personaggio, Enrico Toti. Ma il “piscopo” Partanna, zio di uno dei componenti della combriccola dei “muschitteri”, fa pressioni su chi di dovere affinché Montalbano ritorni titolare dell’indagine. Il questore, obtorto collo, convoca il commissario e, senza risparmiargli velenose frecciatine, gli comunica che deve riprendere ad investigare sull’omicidio. Parallelamente, anche se poi le storie si congiungeranno, il commissario deve indagare sulla segnalazione di una mastodontica “chiaroveggente” circa dei traffici, probabilmente loschi, perpretati da un camionista nei pressi della discarica comunale.

La trama si sviluppa secondo tempi e modi della classica indagine montalbaniana, con i farseschi inserimenti di Catarella, le indagini anagrafiche di Fazio, ma non appare, perché in ferie, Mimì Augello, mentre Livia si sente al telefono in rare occasioni. Si respira l’aria malinconica del fine carriera, è tangibile la stanchezza del protagonista, dopo decenni di indagini condotte senza risparmiarsi. Inoltre, è manifesto il confronto tra il personaggio letterario ed il suo alter ego televisivo, forte dei suoi milioni di telespettatori, a fronte dei quali il protagonista dei romanzi può esibire solo qualche centinaio di migliaia di lettori. Infine, è esplicito il confronto, spesso aspro, tra l’autore dei romanzi e il protagonista, che si protrae fino al termine della storia e ne costituisce la parte principale dell’epilogo.

Dirò subito che sia il confronto con il personaggio televisivo, sia i dialoghi con l’autore, non mi sono piaciuti tanto. Li ho trovati forzati, troppo surreali e avrei preferito che il romanzo seguisse la struttura delle storie precedenti. Questo nuovo metro narrativo non mi ha convinto e mi ha condotto a considerare Riccardino un romanzo non all’altezza della produzione precedente e, in ogni caso, inferiore alle attese. Considero, quindi, l’opera un episodio non trascendentale dell’intera saga, apprezzabile solo perché ultimo capitolo di una storia che tanto mi ha deliziato e appassionato. Rimane, comunque, la gratitudine nei confronti di Andrea Camilleri per aver inventato un personaggio magnifico e delle storie, tante, che ho divorato con piacere e soddisfazione ogni volta che sono state pubblicate. Per questo, anche l’ultimo, non felicissimo, atto merita di essere letto, non fosse altro che per l’atmosfera malinconica di fine ciclo e perché momento storico nello sviluppo del personaggio.