Campioni! 🖤💙🖤💙

Il pari tra Sassuolo e Atalanta dà la certificazione matematica del diciannovesimo scudetto dell’Inter, con quattro giornate di anticipo.

Un campionato vinto aggiudicandosi con autorità gli scontri diretti e mostrando una regolarità di cammino che ha stroncato le velleità degli avversari.

Dopo una partenza lenta, figlia della preparazione ritardata per la finale di Europa League della scorsa stagione e di qualche equivoco tattico e di scelta dei giocatori da parte di Conte, i nerazzurri hanno trovato la quadratura del cerchio, recuperato solidità e inanellato una serie di vittorie nel girone di ritorno che ha portato ad un trionfo netto e prepotente.

La svolta è avvenuta quando Conte ha trovato la giusta collocazione in campo di Eriksen, che ha dato più qualità e imprevedibilità alla manovra nerazzurra. Altro merito del tecnico salentino (e di Marotta) è stato quello di aver saputo isolare e compattare la squadra di fronte alla crisi societaria e di aver ridotto al minimola delusione per l’inopinata eliminazione dalla Champions. Non era facile e solo grandi professionisti potevano riuscirci.

Era stato presentato come il campionato della consacrazione del maestro Pirlo, era via via diventato il torneo del miracolo di Pioli, ignorando i cali repentini delle squadre del tecnico parmense (noi ne sappiamo qualcosa). Ha vinto la squadra più solida, con il centrocampo migliore ed una coppia di attaccanti prolifica, ben assortita e al servizio della squadra, quando necessario. Il rumore dei nemici, sempre pronti ad amplificare problemi tecnici e societari, ha fatto il solletico alla corazzata nerazzurra e potremo sfarci sberleffi di quanti tireranno in ballo pandemia e crisi degli avversari per sminuire il nostro trionfo.

Ci sarà tempo per parlare più in dettaglio dei protagonisti di questa grande vittoria e per capire gli sviluppi a livello societario. Oggi si fa festa e basta.

Crotone – Inter 0 – 2

Poteva finire 1 – 0 anche questa, se Hakimi non avesse raddoppiato in contropiede, mentre eravamo già nel recupero. Stavolta, però, i tre punti sono arrivati dopo una gara, sostanzialmente, dominata, se si escludono i primi venti minuti dell’incontro, durante i quali il Crotone ha esercitato un buon possesso palla, tenendo il controllo del gioco. A proposito dei calabresi, penso di aver visto altre squadre meno forti e forse i rossoblu non meritano la posizione in classifica che occupano e la conseguente, ormai matematica, retrocessione.

Continua a leggere “Crotone – Inter 0 – 2”

Inter – Verona 1 – 0

Ancora una volta Matteo Darmian toglie le castagne dal fuoco e si conferma uomo decisivo. Il suo arrivo era stato salutato dall’indifferenza di tifosi e addetti ai lavori ed io stesso, avendolo visto nel Parma, lo giudicavo un acquisto buono, al massimo, per la panchina. Mai giudizio fu così affrettato e ingeneroso. Il nostro Matteo, che ha brillantemente superato la bruttissima esperienza giovanile nella Primavera del Milan, dovrà essere ricordato tra i protagonisti di questa splendida, anche se faticosa e ancora da compiere del tutto, cavalcata di cui l’Inter è stata capace nel campionato 2020/21. Dopo quello al Cagliari, ancora un gol decisivo per aggiudicarsi i tre punti contro un Verona spensierato che, forse anche per questo, ci ha messi in difficoltà.

Continua a leggere “Inter – Verona 1 – 0”

Spezia – Inter 1 – 1

Due punti buttati via. Speriamo di non doverli rimpiangere. Capisco che i cuginastri avevano perso, che lo Spezia, squadra simpatica, si deve salvare, ma un avvio così moscio non lo vedevo da tempo. Aggiungiamo un paio di pali, due gol in fuorigioco millimetrico annullati, due occasioni a tu per tu con il portiere e abbiamo il quadro della partita sfigata, anche se la malasorte non può spiegare, da sola, i troppi errori dei giocatori di movimento, oltre alla ormai consueta papera di Handanovic.

Continua a leggere “Spezia – Inter 1 – 1”

Napoli – Inter 1 – 1

La lunga serie di vittorie, prima o poi, doveva interrompersi e questo pari produce un punto prezioso per la classifica, conquistato su un campo difficile, contro un’avversario molto forte e in un buon stato di forma. Il pari era il risultato che più mi attendevo e così è stato, dopo una partita che ha visto le squadre prevalere l’una sull’altra a fasi alterne.

Continua a leggere “Napoli – Inter 1 – 1”

Visto in TV – Il Commissario Montalbano – Salvo Amato, Livia Mia

Dopo la delusione per l’ultimo episodio inedito, trasmesso qualche settimana fa (qui il post su Il Metodo Catalanotti), questa puntata mi ha riconciliato con la longeva fiction dedicata al mitico commissario Montalbano, fortunato, meritatamente, personaggio, partorito dalla penna di Andrea Camilleri.

Continua a leggere “Visto in TV – Il Commissario Montalbano – Salvo Amato, Livia Mia”

Inter – Cagliari 1 – 0

Altra vittoria fondamentale, ottenuta dopo una partita sofferta. Dovremmo averci fatto il callo, ma, in realtà, non ci si abitua mai. Mentre contro il Sassuolo la sofferenza era stata causata da una condotta di gara difensiva, oggi abbiamo assaporato il duplice tormento di non riuscire a sbloccare il risultato (fino al gol di Darmian, al 77°) e di conservare il minimo vantaggio, opponendoci al forcing finale dei sardi.

Continua a leggere “Inter – Cagliari 1 – 0”