Il brano del giorno – 13 marzo 2020

genesis get'em

Get ‘Em Out by Friday – Genesis – Foxtrot

Ritorniamo all’ascolto dei Genesis, con l’album Foxtrot del 1972. Lo facciamo con un brano del filone “futurista”, in cui viene immaginato un presente di spietate speculazioni ed un futuro, ancora più angosciante, di manipolazioni genetiche.

Il pezzo è una sorta di operetta, con i personaggi che parlano in prima persona e con continui cambi di ritmo. Il testo è stato scritto da Peter Gabriel che lo interpreta al canto con la collaborazione di Phil Collins.

La storia parte con una società immobiliare che sta perpetrando una gigantesca speculazione edilizia e che deve buttare fuori di casa degli inquilini entro il venerdì successivo. Gli emissari della società si presentano nelle case dello stabile da sgombrare e promettono agli inquilini una sistemazione migliore, a costi più bassi. Come è lecito intuire, la situazione reale si presenta diversamente e il posto non è migliore, né il canone d’affitto è più basso.

A questo punto, la storia viene spostata nel futuro, in una situazione in cui l’ente per il controllo genetico stabilisce l’altezza massima delle persone, in modo che ce ne stiano di più nello stesso spazio. La società immobiliare compra altre case per fare altri lucrosi affari, approfittando della nuova “normativa”. Il pezzo finisce con una critica alla Chiesa: visto che sulla Terra si è felici con le cose materiali (la terra e le case), che non sono più disponibili, conviene investire facendo donazioni alla Chiesa, per guadagnarsi il paradiso.

Riporto il link alla versione originale del brano e, come ormai di consueto, ad una recente versione live di Steve Hackett, cantata da Nad Sylvan.

Get’m Out by Friday – Genesis

Get’em Out by Friday – Steve Hackett – Live in Liverpool 2015

 

2 pensieri riguardo “Il brano del giorno – 13 marzo 2020

  1. Dai, parlare del capolavoro Get’em out by friday scritta per la teatralità e la versatilità di Peter Gabriel e poi linkarne una versione cantata da Nad Sylvan è chiaramente una bestemmia.

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Massimo, sono d’accordo sul fatto che Peter Gabriel sia inarrivabile per presenza scenica e qualità interpretative.
      Ho spesso linkato versioni eseguite da Steve Hackett e il suo gruppo, e cantate da Sylvan, in anni più recenti. Penso che, al di là di differenze interpretative, il progetto di Hackett e compagni serva a tenere viva la memoria della ottima produzione dei Genesis della prima metà degli anni ’70. Ascoltando queste recenti versioni, può anche venire la curiosità di andare a riscoprire le originali.
      Grazie per il commento.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...